Come acquistare l'amplificatore giusto

Ogni volta che decido di acquistare qualcosa, cerco, mi informo, forse anche all'eccesso. Probabilmente è dovuto al mio desiderio di fare la scelta migliore possibile con il budget a mia disposizione.

Credo che questo atteggiamento sia quello corretto se si punta a far durare nel tempo il proprio acquisto, e questo vale anche per la nostra passione per l'alta fedeltà e per la scelta di quello che per me è il componente più importante della catena Hi-Fi: l' amplificatore audio.

Senza andare troppo nel tecnico, quando inizierai a cercare il tuo ampli, il mio suggerimento è quello di prestare la massima attenzione a questi due fattori:

Potenza di uscita: come regola generale, dovresti sempre assicurarti che l'amplificatore che pensi di acquistare abbia potenza sufficiente a pilotare gli altoparlanti ad un livello di volume ideale, senza danneggiarli. Forse non sai, infatti, che un amplificatore di scarsa potenza può danneggiare i diffusori. Per questo motivo, la scelta dovrebbe sempre privilegiare un amplificatore di buona potenza (diciamo almeno 40/50 watt).

Impedenza: come detto per il punto precedente, per quanto riguarda la potenza di uscita dell'amplificatore, dovresti anche optare per un ampli capace di un alto carico di impedenza.

Per esempio, una coppia di diffusori da 8 Ohm di impedenza sono generalmente abbinabili ad un qualsiasi amplificatori, senza troppi pensieri.

Invece, nel caso di una coppia di casse acustiche da 4 Ohm, sarebbe preferibile assicurarsi per tempo che l'amplificatore sia in grado di pilotarle. Non è raro, infatti, che la loro curva di impedenza scenda a 3 Ohm e, alle volte, anche a meno (situazione limite, sempre da evitare).

Alcuni suggerimenti per la installazione del tuo nuovo amplificatore.

Se hai acquistato un sistema multitelaio composto da preamplificatore e finale di potenza, segui questi consigli.

Semplificando al massimo, un preamplificatore è un dispositivo che ospita il controllo di volume ed i selettori di ingresso audio. Il preamplificatore, inoltre, elabora tutti i segnali audio che riceve dalle sorgenti. Prima di collegare il preamplificatore al finale di potenza, assicurati che ogni dispositivo sia spento e scollegato dalla presa di corrente. Identifica le uscite di linea (di solito chiamate pre-out) e posizionate nel pannello posteriore del preamplificatore.

Devi collegare l'uscita RCA del tuo preamplificatore all'ingresso RCA presente sul finale di potenza utilizzando una coppia di cavi di segnale. Ti consiglio di utilizzare cavi di buona qualità, meglio se simmetrici, in modo da evitare loop di massa o falsi contatti che rovinerebbero il risultato.

Collegare l'amplificatore ai diffusori acustici

Ogni altoparlante va collegato con un cavo di potenza separato. Puoi utilizzare o del filo a metraggio, a cui andrai a spellare le estremità (puoi anche acquistare delle terminazioni di buona qualità, di solito placcate oro 24K, che si avviteranno nel punto in cui avrai spellato il cavo).

Presta molta attenzione alla polarità del cavo di potenza: ogni cavo ha due estremità, una positiva ed una negativa. Sia sull'amplificatore e sia sulla cassa acustica, i morsetti sono contrassegnati dai simboli del polo positivo (+) e del polo negativo (-). Il polo positivo è di colore rosso, il polo negativo è di colore nero, per renderne più semplice il riconoscimento.

Una volta si utilizzava il "famoso" filo rosso e nero di dozzinale produzione. Oggi, invece, ti consiglio di prestare attenzione anche a questo dettaglio. Acquista un cavo al metraggio di almeno 2.5mmq di sezione!

Dopo aver completato i collegamenti, controlla tutto nuovamente una seconda volta, per essere sicuro di non aver dimenticato nulla e, soprattutto, di non aver invertito le polarità dei cavi.

Se è tutto ok, allora procedi alla prima accensione del tuo nuovo amplificatore!

Conclusione

Questo è soltanto il metodo più banale per la installazione di un amplificatore. Oltre a questo, quando inizierai a cercare in giro il posto migliore dove acquistare i tuoi componenti Hi Fi, presta attenzione non tanto al prezzo, quanto alla affidabilità del negozio a cui ti affiderai.

Contattali e recati di persona al negozio quando possibile. Cerca di parlare con l'addetto alle vendite e assicurati che possa seguirti non soltanto nella scelta dei pezzi, ma anche e soprattutto che possa aiutarti nel post-vendita. Sembra una cosa poco importante, ma si rivela fondamentale per poter ottenere sempre il massimo risultato una volta portato a casa il proprio impianto Hi-Fi ed averlo posizionato nel proprio ambiente domestico.

Il mio primo articolo su questo Blog dedicato all'alta fedeltà. Non so ancora quali argomenti tratterò, ma di sicuro sono tanti e dovrò cercare di ritagliare il tempo necessario alla scrittura ed alla loro organizzazione.

Parlerò di amplificatori, valvolari e a transistor, di preamplificatori, di finali di potenza. Cercherò di creare sezioni ben distinte dedicate anche alle sorgenti audio.

Affronterò l'argomento relativo alla evoluzione dal Compact Disc alla musica liquida, ovviamente non dimenticando il giradischi ed il vinile.

Ammetto che so poco di registratori a bobina, che oggi sono molto ricercati.

Per quanto possibile, scriverò qualche articolo anche sui cavi audio e sulla loro importanza (si, per me sono importanti!).

Per ora è tutto, alla prossima!